Arlecchino servitore di due padroni al Piccolo Teatro di Milano

May 18, 2017

 

 

In scena fino al 28 Maggio l’opera di Carlo Goldoni con la regia di Giorgio Strehler.

 

Arlecchino servitore di due padroni ritorna al Piccolo a celebrare i suoi 70 anni di vita. Più che un classico un vero e proprio manifesto di questo teatro che ha fatto la storia di Milano.

Lo spettacolo è stato creato nel luglio 1947 da Giorgio Strehler. Da allora è stato un susseguirsi di successi in tutti i principali teatri del mondo. Probabilmente è stato lo spettacolo teatrale italiano più visto al mondo. Il suo successo è dovuto al fatto di reinventarsi ogni volta pur rimanendo fedele a se stesso. Come scriveva Strehler «è sempre uguale e sempre diverso, ed è libero dal tempo che passa».

La commedia goldoniana è incentrata sulla furbizia di Arlecchino nel riuscire a gestire due padroni. Due padroni ti permettono due pasti. Il servo Arlecchino saprà sfruttare questo concetto destreggiandosi tra una girandola di avventure. 

Un'avventura teatrale fatta di colpi di scena, scherzi, risa e malinconie che lascia sempre il segno. In Italia come all’estero.

 

Arlecchino servitore di due padroni impersonato ancora una volta da Ferruccio Soleri

 

Il protagonista è l’immancabile Ferruccio Soleri che a 87 anni non smette di stupire. L’attore impersonò la maschera di Arlecchino nel lontano 1960. Una carica di entusiasmo e dinamismo fisico e mentale che non è mai venuta meno. Ferruccio Soleri è entrato nel guinness dei primati per essere l’attore ad aver rappresentato più volte lo stesso personaggio. 

A 87 anni l’attore ha confidato di sentirsi “un po’ stanco”. Il segreto di questa straordinaria vitalità sta nell’assiduo training fisico a cui si sottopone l’attore. Una dieta ferrea, stretching e marcia tutti i giorni.

Ferruccio Soleri si alterna, da qualche anno, nel ruolo con Enrico Bonavera. E c’è da credere che sarà quest’ultimo a portare avanti il testimone. Uno spettacolo destinato a rimanere un ever green del Teatro Italiano nel mondo.

 

Share on Facebook
Share on Twitter
Please reload

Post in evidenza

"Anche le cipolle piangono" l'ultimo libro di Paolo Avanzi

October 30, 2019

1/6
Please reload

Post recenti
Please reload

Archivio